giovedì 25 ottobre 2007

Usi e costumi dei mezzi di comunicazione

CasaIzzo ha pubblicato un interessantissimo galateo dei nuovi mezzi di comunicazione 2.0 (i vari twitter, jaiku, myspace, facebook e cazzimme assortite), dandomi lo spunto per interrogarmi su un'usanza di un mezzo ormai quasi "old-gen", usanza che oltretutto credevo ormai caduta in disuso: io mi domando e dico, che senso ha scrivere "risp" negli sms?

Solitamente se ho da rispondere rispondo comunque, se non ho nulla da dire, o non ho cazzi di rispondere, o il mittente dell'sms mi sta sui maroni, o non ho soldi, non rispondo comunque, che me lo si "ordini" o no...ma allora, visto che 160 caratteri non sono poi tantissimi, perchè scoreggiarne via 5 (compreso lo spazio cosi')?

Ma davvero c'è qualcuno che pensa che scrivere "risp" negli sms influenzi l'invio o meno di una risposta?

(Edit: avevo scordato il titolo :))

2 commenti:

streghetta ha detto...

Beh l'invio della risposta lo influenza un pò... ma sollo in negativo... ovvero se qualcuno mi "ordina" di rispondere ha il 99% di probabilità che non lo faccia, solo per non piegarmi a richieste cretine... :)...

streghetta ha detto...

...se questo fosse stato un sms avrei sprecato lo spazio per una "l" di troppo... :D