mercoledì 16 luglio 2008

Cuba, ma senza Gibson Brothers

Di tutti i posti e le culture del mondo, non è che provi una particolare attrazione per Cuba: ci sono N altri posti in cui mi piacerebbe andare prima che a Cuba e N altre culture che vorrei studiare prima di quella cubana.

Il Cuba, inteso come cocktail, come tutti i derivati del rum, mi fa discretamente schifo, oltre a essere la scelta più banale sulla faccia della terra, per cui credo di non averne mai preso uno intero in vita mia, anche se essendo una scelta banale il 90% delle volte che qualche amico mi offre un sorso del suo cocktail è un sorso di Cuba.

Tuttavia, oggi pare essere un po' un Cuba-day: non solo oggi in ufficio ho scoperto che Tomas Milian in realtà è cubano (non lo sapevo), ma soprattutto Buzzparadise mi ha invitato a una campagna proprio sulla cultura cubana, sponsorizzata da Havana club per promuovere il sito havana-cultura.com, dedicato proprio alla cultura cubana.

Ora, ok che imparare cose su Cuba non è proprio la prima delle mie priorità, ma non mi andava di tirarmi indietro di fronte alla possibilità di imparare roba nuova, un po' come è successo per la precedente campagna a cui ho partecipato, quella del libro di Nick Hornby, di cui non avevo mai letto niente e di cui, grazie a Buzzparadise che me l'ha fatto conoscere, non credo leggerò mai più nient'altro (diciamo che "Tutto per una ragazza" non mi ha proprio fatto impazzire); oltretutto, a sto giro il bonus culturale è musicale, visto che l'omaggio gentilmente offerto dai ragazzi di Buzzparadise è un album di "musica latina/jazz"...non proprio la mia tazza di tè, ma faccio davvero fatica a rifiutare della musica nuova, è più forte di me :)

2 commenti:

fede ha detto...

per un attimo ho pensato che volessi scrivere del nuovo singolo di JCA...
e cmq stai diventando sempre più Comunista, dai che tra un pò ti inviteremo alle salsicciate di Rifondazione il 1 maggio :D

PS: per iniziarti alla cultura del Rum, evita quella cazzata che è il cuba e passa ad un bicchiere di Pampero gran riserva (rigorosamente scuro) accompagnato da prosciutto crudo san daniele e taralli pugliesi...

Raibaz ha detto...

Mmmm in effetti sotto forma di chupito il rum lo sopporto...proverò col prosciutto di casa di Silvia :)

Cmq non c'è pericolo, eh, stai tranquillo...prima che diventi comunista io devono morire almeno 100 papi e ghiacciare l'inferno 10 volte :D