lunedì 26 gennaio 2009

The lab 001 mixed by Loco Dice (Nrk)

Qui su queste pagine Loco Dice gode di una stima un po' migliore che nel resto della rete: di solito viene considerato, a scelta, o uno che spacca di cristo perchè è stato resident Circoloco o un pallido emulo di Villalobos e Luciano estremamente sopravvalutato per via della residenza suddetta, mentre in realtà secondo me ha tutto sommato una sua dignità come dj.

Il problema grosso del ggiovine algerino trapiantato a Dusseldorf, però, è che spesso e volentieri sembra essere soverchiato dalla fama di "dj che spacca di cristo perchè è stato resident" e suona molto al di sotto delle sue possibilità, costringendosi a menare più del necessario e uscendo dal proprio genere d'elezione, che in realtà è piuttosto tranquillo e ipnotico; se proprio si vuole trovare un punto debole al buon Dice, quindi, è sicuramente la sua tendenza a lasciarsi trasportare dall'aspettativa che pretende che spacchi di cristo e a finire a suonare senza personalità della technaccia minimaleggiante senza un perchè.

Per fortuna, la Nrk gli offre un'ottima occasione di riscatto, facendogli inaugurare una nuova serie di compilation e di suonare quello che gli piace, che lui stesso definisce “deep, groovy, chunky, driving, 123 Music for the terrace” : il risultato è un doppio cd tutto sommato niente male di cui, stando alla press release, il primo è più cupo e il secondo più housettone.

In realtà sappiamo un po' tutti che le press release sono mendaci, e il primo cd altro non è che una serie di minimalate invero piuttosto pallose che rispecchiano in pieno il mood "questa roba non mi fa impazzire ma la gente vuole che suoni così e pesco dischi a caso" di molti set di Dice, con giusto un paio di tracce che si salvano, tipo il suo (cioè, di Martin Buttrich) bellissimo remix per "Eclipse" di Onur Ozer e in generale qualche minivirtuosismo di loop che però interesserà solo i fan del Soundbite come me; il secondo cd, invece, è quello che vale il prezzo del biglietto.

Il Loco Dice che vorrei sempre sentire è proprio quello del secondo cd, classy e tranquillone da mattina inoltrata, quando il sole è già alto e non si ha mica voglia di fare troppa fatica perchè fa caldo, o perchè si viene da una nottata lunga e non è ancora ora di dormire; il Loco Dice che vorrei sempre sentire suona The Timewriter e Jay Haze, non Damian Schwartz e Ben Klock che pure mi piacciono molto, ma nei set di Dice c'entrano come i cavoli a merenda.

Morale, se trovate questa doppia compilation al prezzo di un cd solo vale la pena di comprarlo, visto che c'è anche un bel sottobicchiere in omaggio (il primo cd), altrimenti la rete pullula di luoghi invisi alle major ove procurarsi solo il secondo cd lasciando il primo dove merita.

7 commenti:

fede ha detto...

ma che bravo hai fatto i compiti :D

ora pubblico anche di là per i miei amichetti della dispersion ;)

Raibaz ha detto...

Grazie :)

maxcar ha detto...

io con lo codice sono stato sfortunato: la sala grande di dissonanze è capace di risvegliare i suoi peggiori istinti

in realtà poi su disco i peggiori istinti escono molto meno, quindi darò un'auscultata

Raibaz ha detto...

Beh se s'è cagato addosso e ha suonato fuffa al Green & Blue non oso immaginare cos'abbia combinato al Dissonanze, col romano medio che va a gridargli "ao zio devi da menà" con faccia inferocita :D

Salta pure il primo cd comunque, che è uno specchio di come suona quando si terrorizza e senti solo il secondo, che è molto migliore :)

fede ha detto...

io conservo un suo splendido mix che fece anni fa per mixmag, ad oggi la sua prova migliore...

maxcar ha detto...

dice che il tour di Locodice si chiamerà Under 300 e sarà in posti sotto i 300 di capienza in modo tale da riscoprire tutte le radici del suo suono dalla deephouse alla locomotiv minimal (come la chiamano su RA

peccato che qui a Beri (ahah sempre da RA) mi aspetto comunque il pestonismo

Raibaz ha detto...

Io sono curiosissimo di sentirlo con 300 persone...magari in situazione intima resta più rilassato e non scade nel pestone senza senso :)