mercoledì 30 settembre 2009

Douglas Coupland - Generation A




Fanboy alert: sono un fan sfegatato di Coupland (come d'altronde ogni persona di buon senso), per cui questo post non ha alcuna pretesa di obiettività neanche da lontano ma anzi trasuda ammirazione e stima infinita da ogni riga.




Allora, ho letto l'ultimo Coupland pubblicato un mesetto fa in UK e ancora inedito in USA e ovviamente qui, in lingua origiale per evidente intraducibilità degli scritti di Doug: ho letto libri suoi sia in originale che in italiano (rispettivamente, "Microserfs" e "Jpod" in originale e "Generazione X" e "Hey, Nostradamus!" in italiano) e mi sento di affermare che tradotto Coupland perde un buon 90% del gusto, non tanto per incapacità dei traduttori ma per reale impossibilità di tradurre lo slang e lo stile dei libri, assolutamente realistici nel rappresentare il parlato e lo stream of consciousness dei protagonisti, che spesso e volentieri mi somigliano e che quindi, letti tradotti, suonano molto più "altri da me" rispetto all'originale.



In fin dei conti, potrei chiudere il post semplicemente con la frase qui sopra: a me Coupland piace così tanto perchè parla di me e perchè in ognuno dei suoi personaggi riconosco qualcosa di mio, qualche atteggiamento, qualche pensiero o qualche situazione che ho provato o direttamente o che comunque percepisco come affine alla mia generazione, appunto.

La trama in sè per sè non è qualcosa in cui riconoscersi granchè, è vero: futuro prossimo, api estinte apparentemente senza motivo, cinque giovani agli angoli opposti della terra che vengono punti da api superstiti, sempre apparentemente senza motivo, una nuova droga che accelera la percezione del tempo.ù

I cinque ggiòvani diventano all'istante delle superstar e finiscono rinchiusi in stanze anonime e separate dove subiscono un mese di test psicofisici, per poi essere trasferiti, tutti assieme, in un'isola sperduta nel nulla dove danno vita a una versione moderna del Decameron, raccontandosi storie a turno salvo poi scoprire un loro forte interessamento nei loro confronti da parte dei produttori di questa nuova dddròga.

Detto così è un romanzo con la trama completamente nonsense, e in effetti a una lettura superficiale potrebbe sembrare così (anche se le situazioni ridicole in cui si Coupland piazza i personaggi lo renderebbero piacevole anche solo letto così), ma in realtà Doug è un maestro delle allegorie e quando ti parla di questi tizi isolati dal mondo che inventano storie in realtà ti sta parlando della magia dei libri e del potere che hanno su di noi l'attività di immergersi in una lettura o quella di raccontare delle storie ad altri.

Ma non basta.

Non c'è solo il romanzo nonsense nè solo la dimostrazione d'amore per i libri, c'è anche la fotografia lucidissima e pesantemente umoristica di una generazione che le storie, lette o raccontate, le ha un po' perse e quindi cerca di sostituirle in qualche modo: c'è la tipa che fa gli earth sandwich mettendosi d'accordo con qualcuno che abita agli antipodi per mettere contemporaneamente una fetta di pane per terra, c'è quello che fa i soldi vendendo gli mp3 dei silenzi registrati in casa delle celebrità o il trebbiatore che si arricchisce mietendo il grano nudo sulla mietitrebbia e in streaming video ma c'è anche gente un po' meno freak (beh, oddio) come il giocatore hardcore di WOW o quella a cui i genitori confessano che hanno deciso di non credere più a nulla.

E questi sono solo i protagonisti: la società che li circonda, invece, ha come problema più comune il timore del futuro prossimo, quello che da noi i tg chiamano "terza settimana" ma che secondo Coupland è una cosa più articolata e legata alla mancanza di evasione temporanea dalla realtà.

Che poi, fa strano, perchè quando sei ggiòvane i vecchi ti dicono sempre che devi piantarla con quei giochini/libri/fumetti/dischi/cazzimme e dedicarti a qualcosa di veramente importante, poi arriva il vecchio Doug e ti ricorda che i momenti di evasione condivisa con altri sono importanti almeno tantoquanto e, anche se i personaggi dei suoi libri non sono eroi in cui sei fiero di riconoscerti, ti tranquillizza lo stesso.

Grazie, Doug.

Se non si fosse capito: per me questo è il libro dell'anno, correte a comprarlo immediatamente (aspettando che Doug finisca la biografia di McLuhan per cui sto già sbavando da mesi).

9 commenti:

cris ha detto...

Scrivo qui perchè non trovo più la tua email.

Richiesta: tu che ne sai a pacchi di social network (non fare il modesto, so che ne fai largo uso... :) ci fai un post su come dovrebbero essere utilizzati i vari network (o su come li utilizzi tu), toccando punti tipo "come mai twitter in italia non prende piede anche se siamo il popolo più pigro del mondo?"

Bho, poi magari non frega niente a nessuno e puoi anche cancellare 'sto commento.

ciao!
Cris

Raibaz ha detto...

Quando si dice "capitare a fagiuolo", si dà il caso che oggi sia il mio ultimo giorno di lavoro e che da lunedì vada a fare roba che (teoricamente) dovrebbe a che fare coi social networks...quindi un post così arriverà sicuramente a breve magari con qualche sguardo un po' più da insider ;)

Anonimo ha detto...

Congrats for yr new job :-)
Papo

garbe87 ha detto...

Ciao Raibaz sono un Fan accanito di Coupland proprio come te, e sto scrivendo la tesi su Generation A, mi piacerebbe sapere da te cosa pensi della scelta e del significato del titolo di quest'ultimo ottimo romanzo di DC :) aspetto con ansia un tuo commento :) ciao Fra

Raibaz ha detto...

Che figata la tesi su Coupland! Che facoltà fai? Che taglio dai alla tesi? E soprattutto....posso leggerla quando l'hai finita? :)

Per quanto riguarda la scelta del titolo: posto che l'idea alla base del libro è "il seguito di Generation X", "Generation X2" non si poteva, "Generation Y" è già usato, "Generation Z" probabilmente a Doug non piaceva...e come dice nel libro, due click avanti da "Generation X" diventa "Generation A" :)

Poi volendo si può pensare a qualche significato più complesso (ne sparo uno a caso: la rivoluzione che stanno subendo i media ultimamente è così epocale che ci sta che la nostra generazione sia la prima di una nuova era, per cui ha senso ripartire dalla A), ma conoscendo Coupland è facile che il significato vero sia quello più semplice :)

garbe87 ha detto...

Studio Lingue e Letterature straniere all'università di Bologna e la tesi la sto scrivendo proprio su Generation A, quando l'avrò finità sarò felice di condividerla con te! anche per un opinione che nn guasta mai :D se avrò bisogno di qualche dritta potrò chiederti su coupland? grazie per il tuo interesse :D è sempre bello trovare persone che condividono le tue stesse passioni :)

Raibaz ha detto...

Grazie a te per avermi scritto, è un piacere condividere :)

Se ti servono dritte chiedi pure tutto quello che vuoi, anche se non sono per niente autorevole ti rispondo volentieri...in attesa di leggere la tesi finita :)

garbe87 ha detto...

Buongiorno Raibaz ecco che mi trovo a riscriverti per chiederti delle dritte su Coupland :D e nn dirmi che nn sei per niente autorevole perchè io penso tutto il contrario :) volevo chiederti cosa pensi del linguaggio utilizzato dai 5 protagonisti del romanzo nel senso: trovi qualche differenza particolare con i precedenti? sicuramente qui nn troviamo il linguaggio geek di jpod e microserfs però anche questo libro è pieno di elementi che appartengonoal mondo della globalizzazione ecc.. voglio sapere cosa ne pensi tu! aspetto una tua risposta, se hai msn puoi aggiungermi frasognatore@hotmail.it oppure su facebook Garbellini Francesco...grazie! ciao Raibaz!

Raibaz ha detto...

Scusa il ritardo, ho avuto un po' di sbattimenti nel weekend...cmq ti ho aggiunto a msn, continuiamo la conversazione lì ;)