venerdì 26 febbraio 2010

Il ritorno della boy band

Una volta c'erano questi, per cui le mie compagne delle medie si stracciavano le vesti, piangevano e si emozionavano tra una puntata e l'altra di "Non è la rai":



Il fenomeno delle boy band esisteva già da mo (a conti fatti, per l'epoca, anche i Beatles erano una boy band) ma i Take that hanno generato una serie mostruosa di epigoni e cloni il più delle volte assolutamente trash e inguardabili, citando a memoria mi vengono in mente tipo:





E, soprattutto, il miglior clone dei Take that che la storia ricordi, esibitosi anche al festivàl della canzone italiana con un pezzo di rara bruttezza:



Dopo di loro, fortunatamente, il fenomeno delle boy band si è spento, anche se oggi c'è un duo meraviglioso in grado di rinverdire i fasti di cotante meraviglie degli anni '90: sto parlando del gustosissimo duo italo-siberiano Alexxei'n'Nig, artisti di punta della label più figa del panorama italiano, la Exprezoo records, e idoli incontrastati e incontrastabili di tutte le ragazzine del mondo, più dei Tokio Hotel e del finocchio di Tuailàit, più ancora di Pupo ed Emanuele Filiberto.

La parte più russa del duo, Alexxei, si è trasferita al caldo l'anno scorso lasciando il povero Nig a piangere calde lagrime nella città della Mole, ma ora è di ritorno e insieme i due ggiòvani sono pronti a far piangere le ragazzine stasera al Puddhu bar, dove si vocifera addirittura di tre ore di back-to-back.

Io ci sarò, e voi?

1 commento:

emiliano ha detto...

mioddio iragazziitaliani li avevo rimossi...