venerdì 23 ottobre 2009

Sono una persona semplice

La giornata lavorativa inizia presto ed è piuttosto faticosa, scadenza pressante e incombente, Explorer che fa il suo mestiere e non si comporta mai come ti aspetteresti, facendoti perdere mezza giornata, sbattimenti assortiti vari ed eventuali.

Il pranzo, se così si può chiamare, è una di quelle zuppe plastificate&confezionate che sono praticamente acqua calda con un po' di sapore artificiale, sia come gusto che come nutrimento, ovviamente consumata senza alzare gli occhi dal pc.

Come se non bastasse devi pure vivere la vita di una persona normale, parallelamente al lavoro, per cui gestisci i tizi che consegnano la lavatrice nuova (che dovrai perdere tempo a usare anche, ogni tanto), vai dalla commercialista a portare la contabilità del trimestre, etc.

Per qualche sorta di miracolo riesci ad addomesticare IE e alle sei emmezza la giornata lavorativa pare finita, avanza stranamente una ventina di minuti prima della routine vasca-cibo-esci-e-abbi-una-vita-sociale.

Tolgo il coperchio ai 1200, mi lascio cullare per un istante dall'abbraccio caldo e puzzolente di mille serate delle V700, appoggio la puntina su uno di quegli ingombranti plasticoni neri.

Fuori dalla finestra, è uscito il sole dalle nuvole giusto il tempo di qualche minuto di "The sky is pink" prima del tramonto.

Per una ventina di minuti siamo solo io, i dischi e il tramonto, e a me basta questo perchè la giornata si trasformi di colpo in un giorno meraviglioso.

E' bello essere una persona semplice :)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

In pace con se stessi.
Niente di più.
Ho fatto un buon lavoro con te.
Lisa

dave_ ha detto...

keep it simple boss!!

fede ha detto...

a proposito di cose semplici, questo venerdì intorno alle 21 sarò in zona centrale (ma preferirei lambrate); che faccio, ti porto la vinilanza di rose rogue?